Approfondimenti

Economia circolare cosa significa?

Per economia circolare si intende un modello economico il cui obiettivo è di produrre beni e servizi in maniera sostenibile, limitando il consumo eccessivo e lo spreco di risorse (materie prime, acqua, energia), così come la produzione di rifiuti. Un modello che si oppone all’economia lineare, caratterizzata da pratiche di produzione e di consumo basate sull’estrazione delle materie prime, la fabbricazione e il consumo di prodotti e lo smaltimento dei rifiuti.

Il concetto è nato e si è affermato grazie alla crescente consapevolezza della natura limitata delle risorse del pianeta e dalla necessità di ottimizzarne l’utilizzo. Uno dei suoi corollari è l’idea che i nuovi modelli di produzione e di consumo legati all’economia circolare possono generare attività e creare nuovi posti di lavoro stabili e non delocalizzabili. Le sfide dell’economia circolare sono al tempo stesso ambientali, economiche e sociali.
La transizione verso l’economia circolare richiede lo sviluppo di nuove pratiche: l’approvvigionamento sostenibile, l’eco-design, l’ecologia industriale e territoriale, l’economia funzionale, il consumo responsabile, il prolungamento della durata di vita/utilizzo dei prodotti o il miglioramento della gestione preventiva, dello smaltimento e del riciclaggio dei rifiuti.

Fonte: Ministero francese della transizione ecologica e solidale

3 modi per sostenere l’economia circolare, secondo BNP Paribas

Il Gruppo finanzia direttamente molti attori dell’economia circolare (in particolare i più innovativi), clienti dei suoi mercati domestici. Per chiarire le intenzioni della banca e affiancare i clienti, sia proponendo soluzioni finanziarie adeguate che aiutandoli ad adottare il nuovo paradigma, il team Corporate Banking di BNP Paribas Fortis ha proposto di recente, a 50 suoi clienti, un viaggio a Berlino dedicato alla transizione verso l’economia circolare.

BNP Paribas sviluppa l’economia funzionale attraverso la sua offerta di leasing. La formula proposta da Arval e BNP Paribas Leasing Solutions è basata sull’utilizzazione, piuttosto che sul possesso di un bene: l’utilizzo degli asset viene così ottimizzato, gestendo meglio il loro ciclo di vita. Particolarmente impegnata nella transizione verso l’economia circolare, BNP Paribas Leasing Solutions ha aderito al programma CE100 della Fondazione Ellen Mac Arthur, un meccanismo di promozione dell’innovazione creato per consentire alle organizzazioni di cogliere nuove opportunità e realizzare in tempi più brevi i loro progetti nel campo dell’economia circolare.

economie-circulaire-it

13 ESEMPI DI ECONOMIA CIRCOLARE IN BNP PARIBAS

refabricationPRODUZIONE/RIQUALIFICAZIONE
• Dalla fine del 2015, BNP Paribas Real Estate agisce al fianco di Solid’Office (real estate terziario solidale e coworking) e di Bureaux A Partager, ospitando persone in cerca di lavoro in spazi di lavoro non utilizzati.

Il primo Solid’Office è stato aperto come parte di questa iniziativa e consente un miglior utilizzo degli uffici e quindi di evitare la costruzione di nuovi spazi.

utilisationCONSUMO, UTILIZZAZIONE, REIMPIEGO, RIPARAZIONE
• Prima piattaforma BtoB di noleggio o vendita di materiali per il trasporto, l’edilizia e l’agricoltura, il progetto Kintessia di BNP Paribas Leasing Solutions è un ottimo esempio di “intrapreneurship” a sostegno dell’economia circolare. Kintessia promuove e diffonde l’utilizzo delle attrezzature usate e il tasso di utilizzazione del materiale esistente.

• BNP Paribas finanzia aziende che propongono modelli con un approccio “disruptive” all’economia circolare, come Blablacar, che ha permesso la diffusione in Francia del car sharing e costituisce l’esempio perfetto di un’offerta di servizi in cui l’uso ha sostituito il possesso.

• La combinazione fra sharing economy e nuove tecnologie consente di amplificare l’attività di solidarietà e

di ottimizzare la gestione dei doni. Linkee, start-up cliente di BNP Paribas, permette ad ogni cittadino di recuperare un pacchetto di generi alimentari invenduti in negozio aderente, per consegnarlo direttamente, in meno di 30 minuti (a piedi, in bici, in metro), ad una delle ONLUS partner. Linkee facilita in questo modo la partecipazione dei cittadini ad iniziative di solidarietà.

• BNP Paribas Asset Management propone ai suoi clienti Individuals e ai dipendenti di aziende (aderenti a un piano di risparmio aziendale) una serie di fondi d’investimento che sostengono gli attori dell’economia solidale in Francia. Questi fondi, detti 90/10, investono nel settore dal 5% al 10% del loro patrimonio. Fra questi attori, alcuni agiscono concretamente in favore dell’economia circolare come Le Relais (riutilizzazione e riciclaggio di capi d’abbigliamento) o Le Groupe La Varappe (trasformazione di container obsoleti in alloggi di emergenza).

recyclage-pictoRICICLAGGIO
• In tutto il Gruppo, le nostre attività hanno generato nel 2015 ben 175 kg di rifiuti per dipendente. Il 44,9% di questi rifiuti è stato riciclato, contro il 38,9% nel 2014.

• Nel 2015, BNP Paribas è stato bookrunner dell’emissione di green bond da 480 milioni di euro di Paprec, azienda francese specializzata nel riciclaggio di rifiuti non nocivi: la prima emissione di un green bond da parte di una PMI in Francia.

• Le mense aziendali del Gruppo in Francia valorizzano i loro rifiuti tramite la produzione di metano o di compost, utilizzato in seguito negli spazi verdi degli edifici di BNP Paribas nella regione di Parigi.

• Al momento della costruzione della nuova sede di Roma, BNL ha adottato politiche volte a ridurre, riutilizzare e riciclare i materiali di consumo. Oltre 20.000 m² (4 campi di calcio) di arredi da ufficio sono stati inoltre donati a Legambiente.

• Per limitare l’impatto ambientale legato al suo funzionamento interno, BNP Paribas Personal Finance riduce la

quantità di rifiuti prodotti e ricorre il più possibile a pratiche di riciclaggio. Nel 2017, quasi 6.000 kg di cialde per macchine da caffè sono state riciclate grazie alla raccolta effettuata da Paprec presso il sito di Unicity, a Levallois-Perret (Francia).

• UBCI ha avviato nel 2017 un programma di donazione di PC usati, in collaborazione con l’associazione “Socio Ordi”, incaricata da dare “nuova vita” all’hardware e di distribuirlo in seguito agli abitanti delle aree più svantaggiate.

• Cliente di BNP Paribas Fortis, la PMI belga “Recma Scrl FS” si è associata a “COMET Traitement” e a due gruppi di ricerca universitari per creare un’unità di riciclaggio e di valorizzazione dei materiali compositi dei pannelli fotovoltaici. La collaborazione nel progetto Solarcycle punta a perfezionare procedure di riciclaggio per i vari tipi di pannelli rottamati. Al di là della riduzione del volume di rifiuti, il riciclaggio contribuisce inoltre a limitare il fabbisogno di energia grigia (quantità di energia necessaria per produrre, trasportare fino al luogo di utilizzo, e smaltire un prodotto o un materiale) e quindi a diminuire i costi e l’impatto ambientale legati alla produzione dei pannelli, composti al 16% da metalli o materie rari (silicio, alluminio, argento, rame e vetro).

dechets-residuelsRIFIUTI RESIDUALI
• Moulinot, azienda operante nel settore dell’economia circolare e dell’inserzione, è specializzata nella valorizzazione di rifiuti alimentari tramite lombricompostaggio. Cliente di BNP Paribas

in Francia, ha realizzato un fatturato di € 800.000 grazie alla valorizzazione di 6.700 tonnellate di biomassa, trasformate in 403 kM3 di biogas e in 6.400 tonnellate di fertilizzante naturale.

Per commentare devi essere registrato : Log in